Mammut Street Boulder Contest

Riserva Naturale Val di Mello

Riserva Val di Mello (8)

Il 27 gennaio 2009 il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato all’unanimità l’istituzione della Riserva Naturale di Val di Mello, creando così l’area protetta più vasta della Lombardia.

Questa Riserva è stata fortemente voluta dalla comunità che si è mobilitata per salvaguardare la stupenda Val di Mello, per cercare di tutelare la straordinaria bellezza paesaggistica di questo territorio.

Gli “arrampicatori” hanno sicuramente contribuito a tutto questo, accorgendosi già decine di anni fa della particolarità della Valle.
La Riserva Naturale è stata divisa in tre settori, qui elencati per livello di tutela crescente:

  1. Naturale Naturale Parziale di interesse paesaggistico (Arancione)
  2. Riserva Naturale Orientata (Verde)
  3. Riserva Naturale Integrale  (Rosso)

Riserva Val di Mello_VAL DI MELLO CON SENTIERI

La gestione della riserva è stata affidata al Comune di Val Masino che verrà coadiuvato per le competenze tecniche dall’ERSAF Lombardia

La Riserva Integrale si estende sulla sinistra orografica (fino al sentiero per l’Alpe Romilla) e l’accesso è possibile solo per il personale forestale autorizzato. La Riserva Naturale Parziale di interesse paesaggistico comprende il fondovalle con i piccoli centri abitati, mentre tuta la parte restante (la più vasta) è riserva Orientata, che viene percorsa in quota dal famoso Sentiero Roma.

Riserva Val di Mello - logo
DIVIETI E LIMITI DELLE ATTIVITA’ UMANE

Tutte le attività elencate in seguito sono vietate, fatta eccezione per alcuni casi particolari accompagnati dall’autorizzazione esplicita dell’ente gestore o direttamente eseguiti dallo stesso.

 

Riserva Naturale Parziale con finalità paesaggistica

  1. realizzare nuovi edifici o effettuare interventi su quelli esistenti che ne aumentino la volumetria, fatta eccezione per la realizzazione di impianti igienici;
  2. realizzare nuovi insediamenti produttivi o ampliare gli esistenti, anche nel caso d’allevamento di animali;
  3. costruire infrastrutture in genere;
  4. costruire nuove strade, ampliare o asfaltare o trasformare l’uso delle esistenti;
  5. aprire nuovi sentieri;
  6. trasformare l’uso dei boschi;
  7. taglio non autorizzato dei boschi;
  8. raccogliere, danneggiare o asportare la flora spontanea, materiale fossile, minerali, rocce, terriccio di sottobosco e strame;
  9. introdurre specie animali o vegetali estranee;
  10. qualsiasi comportamento che nuoccia o disturbi gli animali selvatici;
  11. appropriarsi anche in parte di carcasse d’animali rinvenuti morti;
  12. introdurre cani slegati che sono siano quelli del soccorso o da lavoro per il bestiame;
  13. cacciare;
  14. effettuare interventi che modifichino il regime o la composizione delle acque;
  15. effettuare attività sportive o turistiche in contrasto con la salvaguardia ambientale;
  16. campeggiare al di fuori delle aree attrezzate;
  17. fare fuochi al di fuori delle aree attrezzate, fatta eccezione per le attività silvo-pastorali;
  18. realizzare discariche o depositi anche temporanei di materiali dismessi;
  19. praticare deltaplano, parapendio o simili;
  20. sorvolare con elicotteri la riserva a quote inferiori ai 500 m dal suolo, se non per attività di soccorso o antincendio;
  21. transitare con veicoli a motore, se non per esigenze di servizio autorizzate esplicitamente dall’ente gestore;
  22. esercitare qualsiasi attività, anche temporale, che comporti alterazioni dell’ambiente incompatibili con le finalità della Riserva.

 

Riserva Naturale Orientata

Oltre a tutti i divieti elencati per la Riserva Naturale Parziale già elencati, vanno aggiunte ulteriori restrizioni:

  1. l’esercizio della pesca dovrà essere disciplinato da apposite norme;
  2. effettuare campeggio libero o organizzato ad eccezione del bivacco alpino;
  3. accendere fuochi all’aperto;
  4. circolare con veicoli a motore in genere;

 

Riserva Naturale Integrale

Oltre a tutti i divieti applicati alla Riserva Naturale Orientata vanno aggiunte ulteriori restrizioni:

  1. l’accesso a persone non autorizzate ;
  2. ogni attività umana non di ricerca scientifica;
  3. effettuare il taglio dei boschi in ogni caso;
  4. pascolare il bestiame;
  5. introdurre o reintrodurre specie animali di qualsiasi genere;
  6. esercitare la pesca;